Home Attività Agonismo

Ieri, domenica 14.05.2006 a Livorno, si è svolto il campionato regionale toscano per società di pesca in apnea, al quale una squadra appartenente al GAS composta da Davide Bolognesi, Azelio Monticini e Luciano Maroni, ha partecipato con l’obiettivo di raggiungere un piazzamento dignitoso, essendo a conoscenza che  fra gli iscritti c’erano personaggi di levatura a livello nazionale ed anche di più. Alle sette, non ostante la presenza del Bolognesi, eravamo già a Livorno pronti a mettere in acqua il gommone, fra i saluti degli organizzatori (bravissimi) e dei partecipanti (graditissimi quelli di Stefano Ghini e di Antonino Vella).

Il campo di gara era stato individuato in una zona di mare a N.O. della torre della Meloria, su di un fondale misto di roccia ed alga con profondità  minime di 6/7 metri fino a quelle improponibili per le nostre possibilità. Acqua di buona temperatura, ma molto torba, in particolare in superficie, cosa che non ha permesso di vedere il fondo e costringendo tutti a su e giù continui senza sapere a priori  dove andare a insidiare i pinnuti.

Le prime battute sono state impostate da Azelio e da Luciano, che in primis non hanno ingranato il ritmo giusto, poi Azelio ha individuato una serie di lastroni calcarei orizzontali, contornati da bassa posidonia e, poco dopo, con grande maestria con un solo tiro ha bucato due saraghi all’aspetto (che cu….oo!!!);   poco dopo anche Luciano si è avvicinato a quel catino, ma non ha trovato nessun animale degno di fucilata. Invece Azelio – invispito dalla precedente prestazione – ha visto anche un dentice, ma che non  si è voluto avvicinare.

Ad un certo punto Luciano ha passato il testimone a Davide che ha continuato a scandagliare il fondo con impegno.Purtoppo, proprio mentre il Direttore di Gara Roberto Borra si avvicinava per imporci lo stop di mezz’ora, come da regolamento, Davide stava realizzando un avvicinamento con il medesimo dentice prima avvistato da Azelio. Fra il rumore del gommone e la distrazione imposta dal Borra é’ così sfuggita una lusinghiera ulteriore possibilità di figurare meglio.

Più tardi anche Luciano ha individuato un’altra zona di lastroni dove ha estratto due saraghi,  ma sottopeso, poi una murena, altrettanto sottopeso presa in un fianco da Azelio che ha dovuto ricevere un’ancorata in testa per stare un po’ più buona, poi un marvizzo preso ancora da Azelio ha arricchito il nostro cavetto.

Alle ore 13,10 il Giudice di Gara ha fischiato la fine della competizione e, giunti così in porto,  abbiamo consegnato il pescato insieme agli altri concorrenti; non sono mancati mugugni ed insoddisfazioni e piano piano ci siamo resi conto che c’era chi aveva fatto peggio di noi. Poi fra un piatto di penne ed un altro di polpo al vino bianco siamo arrivati alla pesatura che ha decretato la vittoria del circolo organizzatore CI.CA SUB GARIBALDI con 12.356 punti fra saraghi e marvizzi, poi l’ARCI PESCA S.VINCENZO con 4.796 punti e la preda più bella: un sarago di 1.029 gr., segue il NETTUNO SUB CECINA  con 4.598, poi una sorpresa con il CENTRO SUB ALTO TIRRENO con 4.168, a ruota l’ASD APNEA MAGAZZINE con 4.080, seguita dal CI.CA SUB PONTEDORO con 2.840, noi con 1.998 punti a la prima coppa da esporre in bacheca, ed ultima (udite…. udite!!!!!!!)  la LNI SUB FOLLONICA con 1.142.

Il tutto è finito con baci e abbracci fra tutti gli amici vecchi ed anche più giovani e con la promessa di rivedersi presto. Un complimento deve andare alla perfetta organizzazione del CI.CA.SUB GARIBALDI , che, come sempre si è distinta nell’assistenza dal primo all’ultimo minuto.

Luciano

 

Agonismo