Home Attività Agonismo

Mare calmo, temperatura 19 gradi, visibilità scarsa, ma con zone più accettabili dove era presente il grotto.
42 partecipanti, tra cui il sottoscritto bidonato dal compagno Davide Rapezzi, vittima dell’ora solare che gli ha scombinato le sveglie di casa...
Partenza tragicomica dove nessuno sapeva dove fosse il campo gara e le boe di segnalazione, tanto da ritardare l’inizio di un buon quarto d’ora...
Dopo essere partito su una sconfinata distesa di alghe mi dirigo sul famoso canalone, dove sono presenti belle tane, ma purtroppo erano piene solo di alghe e povere di pesci.
Mi dirigo verso sud seguendo qualche altleta di casa e finalmente scopro una vasta zona di roccia con tane profonde, a futura memoria. Due pescetti molto sottopeso finiscono in cavetto ed alla fine dopo 4 ore estenuanti di tuffi (circa 140 segnati dal mio fido Edi) risalgo in gommone con le pive nel sacco.
Vince il triestino Claut, calatosi in Toscana per questa stagione, con 6 pesci tra cui un’orata, secondo Gaio Trambusti con 5 pesci, terzo il grossetano Zanaga e quarto il massese Tonazzini con 2 saraghi e due corvine, trovate in branco di circa 15 pezzi a fine gara.
Ed il G.A.S.? Nulla di fatto a questo giro ... speriamo di prendere un pesce nelle difficili acque dell’Argentario l’8 novembre (dove ci hanno chiesto di portare i gommoni).

 

Agonismo